Buona educazione: le regole di أَدَب ˀadab

adab_letters

 

 

 

 

 

أَدَب  ˀadab (n.m.),  آدَاب ‎  ˀādāb: buona educazione, buona creanza, cortesia, galateo; cultura, istruzione; letteratura; pl. regole, modo di comportarsi; le Lettere

∗ ∗ ∗

Il concetto di أَدَب  ˀadab

Il concetto di  أَدَب  ˀadab ha una lunga storia. Nell’Arabia preislamica è sinonimo di  سُنَّة  ‎sunna, nel senso di “modo corretto di vivere, modo di comportarsi, consuetudine [trasmessa dagli avi]”, soprattutto nella sfera morale. Con l’evoluzione della società islamica, il termine ˀadab assume un valore intellettuale e il significato di “cultura della élite”, per designare i “buoni costumi”, la raffinatezza e le conoscenze adeguate all’ambiente cittadino e di corte. Il senso specifico di “letteratura” si forma a partire dall’epoca abbaside, in parallelo con la nascita della prosa letteraria. Nell’arabo moderno ˀadab mantiene sia il significato di letteratura che di educazione.

Sull’evoluzione e l’etimologia di ˀadab:

📖  “Breve schema riassuntivo sul concetto di Adab” (pdf), © Marco Lauri, in: Materiale didattico integrativo di Letteratura e cultura araba II, A.A. 2015/2016, Università di Macerata

📖  L’adab: un concetto stratificato” (pdf, pp.30-45), © Luca Rizzo, in: La ricezione dell’Adab al-kātib di Ibn Qutayba in al-Ğawālīqī e Ibn al-Sīd al-Baṭalyawsī, Tesi di laurea, A.A. 2013/2014, Università Ca’ Foscari Venezia

 

Le regole di أَدَب  ˀadab.
S
aluti e formule di cortesia in arabo / 2

Le regole di أَدَب  ˀadab, “buona educazione, buona creanza”, sono molto importanti nel mondo arabo e gli arabi sono molto sensibili al fatto che un occidentale sappia come comportarsi in determinate occasioni. Nelle visite, negli incontri o nel corso di una telefonata occorre dedicare il dovuto tempo ai convenevoli preliminari.
Le formule di cortesia comportano sempre una risposta automatica.

 

Al buongiorno, usato per salutare qualcuno prima di mezzogiorno:

ﺻﺒﺎﺡ ﺍﻟﺨﻴﺮ

ṣabāḥa l-ḫayr, “mattina di bene”

si ricambia con

صباح النور

ṣabāḥa n-nūr, “mattina di luce”

Al buon pomeriggio o buonasera:

مساء الخير

masāˀa l-ḫayr, “sera di bene”

si ricambia con

مساء النور

masāˀa n-nūr, “sera di luce”

Al ciao o salve informale, usato in un rapporto abbastanza intimo o al telefono, e più comune tra arabi non musulmani, o quando un arabo vuole rivolgersi a persone non religiose:

مَرْحَبًا

marḥaban

si risponde con ciao/salve a te

ﻣﺮﺣﺒﺎ ﺑﻚ

marḥaban bi-ka (masch.) /  marḥaban bi-ki (femm.)

 

Quando conosciamo qualcuno, la prima domanda sarà  Come ti chiami?

مَا اِسْمُكَ؟  ˀismu-ka? (m.) / مَا اِسْمُكِ؟  mā ˀismu-ki? (f.)  <come + nome-tuo [è]?>

 

e risponderemo Mi chiamo…

اِسْمِي   ˀismī  <nome-mio [è] …>

 

Gli arabi, popolo di viaggiatori e antichi beduini, ci chiederanno subito della nostra provenienza:

من أين أنت   min ˀayna ˀanta (m.) / ˀanti (f.)?, “Di dove sei?” <di + dove + tu [sei]?>

أنا من  ˀana min… <io di [nome città]>

 

Alla domanda Come stai? / Come va?

كَيْفَ حَالُكَ؟   ‎kayfa ḥālu-ka? (m.) / كَيْفَ حَالُكِ؟  kayfa ḥālu-ki? (f.)  <come [è] stato-tuo ?>

oppure

كـيـف الـحـال   kayfa al-ḥāl <come [è] lo-stato?>

risponderemo Tutto bene / Tutto a posto

اَلْحَمْدُ لِلّٰهِ  al-ḥamdu li-Llāhi, “grazie a Dio”

oppure

بِخَيْر    bi-ayr, “bene”

 

∗ ∗ ∗

Fonti

 

∗ ∗ ∗

Immagine tratta da: The Shape of Adab | Abdur Rahmans Corner

Altri appunti:

✏  Nome, اِسْم ism

✏  Saluto, سلام salām

 

Annunci

Saluto, سلام salām

Le regole di أَدَب  ˀadab.
S
aluti e formule di cortesia in arabo / 1

 

Salutare, سلم  sallama

Salaam

 

salām (n.m.), ‎ سَلَامَات ‎  salāmāt (pl.): (inter.) ‘ciao’; saluto; pace

سلم

sallama (v.): salutare; proteggere

 

● Il saluto rituale musulmano, oggi utilizzato per salutare persone conosciute e sconosciute:

السلام عليكم 

as-salāmu ˁalaykum (inter.): “la pace sia con te/voi”

وعليكم السلام

wa-ˁalaykumu s-salāmu (inter.): “e con te/voi sia la pace”; “la pace sia anche con te/voi”; “pace anche a te/voi”

● ‘Ciao’, ‘benvenuto’ e ‘arrivederci’:

أهلا

ˀahlan (inter.): ‘ciao’

أهلا وسهلا 

ˀahlan wa-sahlan (inter.): ‘benvenuto’, ‘bentrovato’ (lett. “[che tu possa trovare] famiglia (أَهْل) e pianura (سَهْل)”)

مع السلامة

maˁa s-salāma (inter.): ‘arrivederci’; “[che tu possa andare] con la salvezza/in sicurezza”

 

 

Ringraziare, شَكَر ‎  šakara

شكر

šakara (v.): ringraziare, rendere grazie; lodare, elogiare

 

● ‘Grazie’ e ‘prego’:

شكرا

šukran (inter.): ‘grazie’

عفوا

ˁafwan (inter.): ‘non c’è di che’; ‘prego’

 

Rispondere, أجاب  ˀajāba

أجاب

ˀajāba (v.):  rispondere

 

● ‘Sì’ e ‘no’:

نعم

naˁam (avv.): sì

لا

(avv.): no; non

 

∗ ∗ ∗

Lettere

📌  سين  sīn è la dodicesima lettera dell’alfabeto arabo

📌  شين  šīn è la tredicesima lettera dell’alfabeto arabo

📌  ألف  ˀalif è la prima lettera dell’alfabeto arabo

01-Alif

— — —

Immagini: Wikimedia Commons, public domain mark, , ,